Confprofessioni, Jobs Act del lavoro autonomo e equo compenso: confronto a Firenze. Stella:” bene ma molto ancor da fare”

Tags : gaetano stella, michele pizzuto, leonardo focardi, ivo liserani, confprofessioni job act, confprofessioni equo compenso,
Embed Code

Uno spartiacque per il mondo professionale, sia per le professioni ordinisitiche che per e quelle non ordinistiche, un provvedimento apprezzato da Confprofessioni, che contiene misure iortanti, di politiche attive, di welfare, aperture a professionisti su bandi pubblici, contratti di rete ,fondi europei, di deducibilità di costi riservate alle categorie professionali. Con queste parole il Presidente di Confprofessioni Gaetano Stella ha definito il cosidetto Job act del lavoro autonomo nel convegno fiorentino dal titolo “Statuto del lavoratore autonomo e disegno di legge sull’equo compenso. Assieme infatti alla legge n.81/2017 è stato analizzato anche il disegno di legge che mira a salvaguardare la proporzionalità tra qualità della prestazione e prezzo della stessa. Autorevole e vario il panorama dei relatori intervenuti, nell’evento è stata espressa una condivisa soddisfazione per un cambio di rotta della politica , che sembra finalmente applicare a quello autonomo quelle tutele che l’art 35 della costituzione prevede per il lavoro in tutte le sue forme. Non sono mancate , nei confronti di entrambi i provvedimenti, critiche e perplessità.